Dott.ssa Chiara Moroni
Medico chirurgo
Psicoterapeuta in formazione

Ho sempre creduto nella volontà di autodeterminazione delle persone; proprio per questo penso che la miglior cura per la sofferenza sia proprio dentro di noi.
Ci sono persone che hanno voglia di dare un senso alla propria storia e recuperare parti di sè che da sole fanno fatica ad emergere. L'umiltà e la pazienza di accogliere la sofferenza senza giudizi.

Percorsi possibili

  • Accoglienza, valutazione della domanda
  • Valutazione diagnostica della sofferenza psichica: presenza/assenza di psicopatologia
  • Inquadramento del malessere psichico nel contesto di vita: relazionale, anamnestico, evolutivo
  • Esplorazione dei propri meccanismi di funzionamento mentale; struttura di personalità
  • Utilizzo di test proiettivi
  • Consultazione breve/prolungata

Ognuno ha la propria strada, per questo la durata del percorso è individuale e viene concordata insieme.

Aree di intervento principali

Disturbi d'ansia

"Ho paura della paura; paura degli spasmi del mio spirito che delira, paura di questa orribile sensazione di incomprensibile terrore. Ho paura delle pareti, dei mobili, degli oggetti familiari che si animano di una specie di vita animale. Ho paura soprattutto del disordine del mio pensiero, della ragione che mi sfugge annebbiata, dispersa da un'angoscia misteriosa."
- Guy de Maupassant -

Disturbi alimentari

"Ciò che ero solito amare, non amo più. Mento: lo amo, ma meno; ecco, ho mentito di nuovo: lo amo, ma con più vergogna, con più tristezza; finalmente ho detto la verità. E' proprio così: amo, ma ciò che amerei non amare, ciò che vorrei odiare; amo tuttavia, ma contro voglia, nella costrizione, nel pianto, nella sofferenza.'"
- Petrarca -

Disturbi affettivi

"Spesso il male di vivere ho incontrato:
era il rivo strozzato che gorgoglia,
era l'incartocciarsi della foglia
riarsa, era il cavallo stramazzato.
Bene non seppi, fuori del prodigio
che schiude la divina Indifferenza:
era la statua nella sonnolenza
del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato"
- Eugenio Montale -